SOS abbronzatura: qualche informazione sui prodotti solari

prodotti solari

Per decidere come gestire al meglio la propria protezione solare ci sono alcune informazioni da tenere presente.

Per prima cosa bisogna capire come i raggi solari influenzano le risposte della nostra pelle.

I raggi solari sono composti da Luce Visibile, Raggi Infrarossi e raggi UV (che a loro volta si dividono in UVA e UVB). Per quanto gli ultimi due siano sicuramente i “più famosi”, essi non rappresentano che il 10% dei raggi solari.

Sono i Raggi Infrarossi, insieme ai raggi UVA, a penetrare più in profondità nella pelle, causandone l’invecchiamento e alterandone compattezza ed elasticità.

I raggi UVB, invece, rappresentano solo una minima parte dei raggi solari e sono i veri responsabili sia dell’abbronzatura, sia delle scottature, sia, purtroppo, dei tumori della pelle.

E per scegliere i prodotti migliori?

Bisogna conoscere la propria pelle e il fattore di protezione del prodotto che andremo ad utilizzare.

Il fattore di protezione, o SPF, è un indice stabilito misurando il tempo di esposizione solare necessario a far comparire un eritema sulla zona di pelle su cui è applicato. Più alto è, più elevata è la protezione.

Il nostro fototipo (colore di pelle, occhi e capelli) ci permette di prevedere come la nostra pelle reagirà all’esposizione solare: una pelle chiara sarà molto sensibile ai raggi UVB e tenderà a scottarsi di più rispetto ad una pelle più scura.

Sostanzialmente il miglior modo per affrontare il sole consiste in una strategia a più fasi.

Per un periodo iniziale si dovrà utilizzare un prodotto a SPF alto (50+), per dare il tempo alla pelle di abituarsi.

Successivamente, chi ha la pelle scura, potrà utilizzare un fattore di protezione più basso (30+).

In ogni caso, quando la pelle sarà ben adattata al sole, potrà essere utile godere nelle ore meno calde della giornata (mattina prestissimo o tramonto) di 15 minuti senza protezione per aiutare la sintesi della vitamina D.

 

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedin
FacebookSeguici su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *